Translate

venerdì 13 febbraio 2015

Santuario di cetacei e delfini nelle acque ad est di Fuerteventura

Nei primi giorni di febbraio, all' Europarlamento, 20 deputati di diversi partiti spagnoli e una deputata portoghese, hanno fatto propria una richiesta del WWF di creare una riserva nelle acque a est di Fuerteventura e Lanzarote dove sono
state effettuate le prospezioni petrolifere da Repsol.
Le acque orientali di Fuerteventura e Lanzarote sono uniche e molto importanti, sia livello europeo che mondiale, perchè al loro interno è stata documentata la presenza  di più di un terzo delle specie di cetacei conosciuti al mondo.
Esiste già una richiesta della Spagna alla Comunità Europea di includere questa zona nella "Rete natura 2000" con le protezioni previste nella LIC (Luogo di Interesse Comunitario), però probabilmente non sarebbe sufficiente per proteggere queste popolazioni di cetacei.
Per questo i 20 deputati chiedono di creare una sub rete con protezioni specifiche all'interno di R.N. 2000.
Questa richiesta è appoggiata dalla maggioranza dei partiti spagnoli ad eccezione del PP, lo stesso partito che ha concesso i permessi per le prospezioni a Repsol.
Durante e dopo le prospezioni, negli ultimi giorni, sono comparsi sulle spiagge di Fuerteventura i resti di diversi delfini morti, le cause della morte potrebbero essere dovute al rumore provocato dalle perforazioni che influiscono sui sonar dei delfini, oppure ai prodotti chimici utilizzati, naturalmente sull'argomento ci sono opinioni contrastanti, ma credere che questo tipo di operazioni non siano dannose risulta davvero difficile.